Con il Tour alle porte, facciamo una panoramica dei ciclisti più quotati ad aggiudicarsi la maglia gialla.

Condividi:

Chris Froome

I dirigenti del Team Sky hanno una comprovata esperienza in fatto di pensiero tattico. Il Team si aspetta disciplina dai propri membri e Froome si è sempre trovato nel posto giusto al momento giusto. Si consideri la diciannovesima tappa del Giro d’Italia di quest’anno…

Inutile dire che il 2018 si sta rivelando una grande annata per il Team Sky e Froome, che si è da poco aggiudicato il Giro. Ma Froome è alla ricerca del record: vincere il quinto Tour per entrare a far parte del Club delle Cinque Vittorie, primato ad ora aggiudicatosi solo dai campioni Indurain, Hinault, Merckx e Anquetil.

Vincenzo Nibali

Per decisione della sua squadra Bahrain-Merida, quest’anno Nibali ha seguito il Giro d’Italia dal divano di casa, per arrivare il più fresco e riposato possibile al Tour. Il binomio Nibali – Tour de France riporta la memoria indietro al 2014. In una giornata di pioggia e fango a Roubaix, l’italiano ipotecò la vittoria della Grande Boucle con largo anticipo mentre Froome vide la propria stella oscurarsi: cadde due volte e, alla fine, fu costretto al ritiro.

Detto questo, la presenza di Nibali sarà elemento da tenere ben presente per Froome e il Team Sky concentrerà la propria attenzione proprio sul team Bahrain-Merida.

Tom Dumoulin e Richie Porte

Gli scommettitori sembrano prediligere Dumoulin a Porte. L’olandese ha saputo distinguersi nelle occasioni importanti: ricordiamo la prestazione ad altissimo livello che ha portato l’olandese ad aggiudicarsi il Giro d’Italia lo scorso anno.
Al contrario, le prestazioni di Porte sono state piuttosto altalenanti fino al passaggio dal Team Sky al BMC, con il quale lo scorso anno ha messo le mani sul Tour de Romandie, una vera boccata d’aria fresca per la sua squadra.

Purtroppo l’orribile incidente di Porte nel 2017 ha messo fine a quello che sarebbe potuto essere un vero assalto alla maglia gialla. Ma Porte non si è scoraggiato: ha messo in piedi una scalata epica, vincendo il Tour della Svizzera a inizio 2018. Confidiamo nell’australiano per innalzare il livello competitivo del Tour.

Nairo Quintana e Mikel Landa

Il Condor delle Ande, anche noto come Quintana, ha trascorso un 2017 in sordina. Ad eccezione di qualche sporadica vittoria di tappa, il Condor è uscito dai radar. Il team spagnolo Movistar è sembrato incapace di garantire l’appoggio adeguato per vincere una competizione di rilievo, nonostante il supporto del ciclista spagnolo Alejandro Valverde.

Da quest’anno Mikel Landa fa parte del team Movistar. Coetaneo di Quintana, Landa è molto più di un gregario. Nel 2017 con il Team Sky, insieme a Geraint Thomas, è stato leader del Giro d’Italia. Come Porte, anche Landa è un grandissimo atleta con la predilezione per le scalate, ma il Team Sky era un po’ troppo saturo di talenti.

Geraint Thomas

Non possiamo escludere un colpo di scena da parte del Team Sky. Geraint Thomas è stato annunciato come possibile vincitore dopo la prestazione spettacolare al Dauphiné.

Questo sito web utilizza i cookie.

Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali tramite cookie e sui diritti dell’Utente, si rimanda all’Informativa sul trattamento dei dati personali tramite cookie e altre tecnologie web. Qui di seguito è possibile dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali anche per finalità statistiche e analisi del comportamento dell’Utente.