L’applicazione di tracciamento delle attività sportive STRAVA, dedicata agli amanti della corsa e del ciclismo, sta quotidianamente aumentando la sua popolarità e il numero di utenti. Non c’è da meravigliarsi: è stimolante competere in tempo reale con decine di migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo, in maniera virtuale.  Questo è l’aspetto più affascinante di questo database che raccoglie milioni di prestazioni dei diversi utenti e li classifica secondo specifici traguardi come King/Queen of the Mountain.

Condividi:

L’applicazione di tracciamento delle attività sportive STRAVA, dedicata agli amanti della corsa e del ciclismo, sta quotidianamente aumentando la sua popolarità e il numero di utenti. Non c’è da meravigliarsi: è stimolante competere in tempo reale con decine di migliaia di atleti provenienti da tutto il mondo, in maniera virtuale.  Questo è l’aspetto più affascinante di questo database che raccoglie milioni di prestazioni dei diversi utenti e li classifica secondo specifici traguardi come King/Queen of the Mountain.

Anche il team WeLoveCycling ha sfidato STRAVA e uno dei suoi record più estremi.


Nel frattempo, godetevi gli atleti più folli e le imprese più incredibili registrate dagli utenti di STRAVA.

Mark Beaumont (il giro del mondo in bicicletta più veloce)

Questo record è abbastanza recente e, al momento della stesura di questo articolo, è ancora imbattuto. Il ciclista scozzese Mark Beaumont è riuscito a completare il famoso “giro del mondo” in soli 78 giorni, 14 ore e 40 minuti, migliorando il precedente record di 45 giorni, e ha fatto registrare casualmente anche il nuovo record mondiale per la distanza più lunga percorsa in un mese. Beaumont ha percorso una media di 386 km al giorno, trascorrendo quotidianamente circa 16 ore in sella e dormendo solo per cinque ore. Ha concluso la sua avventura arrivando il 18 settembre all’Arco di Trionfo a Parigi, ed è entrato nel Guinness dei primati.

Profilo STRAVA

Amanda Coker (la distanza più lunga percorsa in un anno)

TQuesta atleta ha una resistenza incredibile. Amanda, 24 anni, ha usato la bicicletta per un anno intero, senza saltare un solo giorno, con una media quotidiana di circa 381 km. La sfida è nata per recuperare fisicamente dopo un danno al cervello. 365 giorni e 138.403 km dopo si è resa conto di avercela fatta. La distanza più lunga percorsa in un solo giorno è stata di 486 km, mentre la più breve è stata di 88,5 km, quando ha pedalato attraverso l’uragano Hermine. La sua testardaggine ha dato i suoi frutti: anche lei è entrata nella Hall of fame del Guinness dei primati.

Profilo STRAVA

Torey Philipp (Scalati 1 milione di piedi – 304,8 km – in un anno)

Non solo Torey somiglia in modo incredibile a Peter Sagan, ma sembra anche avere lo stesso genere di carisma. Si allena principalmente tra le colline che circondano la sua città natale di El Dorado, nel nord della California, e ha realizzato solo due settimane prima della fine del 2016 che si trovava a poche miglia dal conquistare il traguardo di 1 milione di piedi saliti in un anno (circa 304,8 km). Così ha rivisto con il suo allenatore il piano di allenamento e, nonostante alcuni piccoli infortuni, è riuscito a raggiungere il suo obiettivo. Ha anche confessato che controllare su STRAVA i risultati di altri atleti e confrontarsi con loro gli ha permesso di combattere il dolore e proseguire.

Profilo STRAVA

Rebecca Rusch (La prima donna a scendere il Kilimanjaro in mountain bike)

Quando il tuo soprannome è la “Regina del Dolore”, allora puoi scommettere che quando affermi di aver appena fatto la cosa più difficile della tua vita, non stai esagerando. Rebecca e il suo compagno d’avventura Patrick Sweeney hanno impiegato sei giorni per completare il viaggio di andata e ritorno su questa famosa montagna alta 5.895 m. Un particolare tratto lungo 15 km e con una discesa di 1.600 m ha rappresentato la parte più difficile del loro viaggio, ed è stato percorso in 2 ore e 28 minuti.

Profilo STRAVA

Craig Cannon (Maggior numero di metri verticali in 48 ore)

Everesting (scalare l’Everest in 24 ore) è una disciplina diventata popolare negli ultimi anni. Il maggior numero di metri verticali scalati, in bicicletta, in 48 ore, tuttavia, è un’impressionante acrobazia da 29.623,3 m. Il coraggioso ciclista che ha portato a termine questa straordinaria impresa di resistenza è Craig Cannon (USA) a Berkeley, California, USA, tra il 7 e il 9 agosto 2015.

Profilo STRAVA

Prossimo articolo della serie Catching Breath

Questo sito web utilizza i cookie.

Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali tramite cookie e sui diritti dell’Utente, si rimanda all’Informativa sul trattamento dei dati personali tramite cookie e altre tecnologie web. Qui di seguito è possibile dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali anche per finalità statistiche e analisi del comportamento dell’Utente.