Ricordate anche voi come se fosse ieri la vostra prima corsa in bici? Gli anni passano veloci e adesso è giunto il momento di trasferire alla nuova generazione le vostre abilità da ciclista. Oggi ci sono diversi metodi per cominciare ad allenarsi: lasciatevi guidare alla scoperta di un nuovo modo di apprendere le meraviglie della bici.

Condividi:

1. Dalla balance bike…

Con la balance bike, le famose bici senza pedali, potete cominciare ad insegnare ai bambini ad andare in bicicletta già dai due anni e mezzo. Questo tipo di mezzo aiuta i più piccoli a capire subito i concetti di equilibrio e sterzata. All’inizio i bambini faranno affidamento principalmente sui propri piedi e procederanno come se stessero camminando. Con pazienza, ad ogni lezione iniziate ad alzare un po’ di più la sella in modo che i piccoli debbano staccare i talloni da terra quando montano in bici. Dite loro di sollevare le ginocchia e lasciare che i piedi volteggino un po’. Vedrete quanto velocemente diventeranno abili a mantenere l’equilibrio.

2. …alla bici con le rotelle…

Alcuni saltano questo passaggio considerandolo inutile, tuttavia c’è un motivo importante per cui, almeno per un breve periodo, dovreste usare le rotelle. Grazie alle ruote aggiuntive i bambini impareranno a spingere sui pedali come se fossero su una vera bicicletta, facendo però meno fatica e non rischiando di cadere. Dal momento che la maggior parte delle bici per bambini ha lo scatto fisso, grazie alle rotelle, i piccoli si abitueranno anche alla possibilità di essere colpiti dai pedali che ruotano attorno all’asse mentre stanno andando. Basta venire colpiti una sola volta dai pedali in movimento e di sicuro i bambini non dimenticheranno più la cosa! Il bello però è che comunque non lo assoceranno mai al brutto ricordo di un capitombolo.

3. ..e ritorno.

A questo punto, i vostri figli hanno imparato come si pedala. Ma è comunque meglio ricordargli come mantenere l’equilibrio. Prima di togliere le rotelle, fateli correre di nuovo sulla bici senza pedali per un po’, in modo da far loro riconquistare fiducia in sé stessi.

4. Finalmente si parte!

Eccoci al momento in cui si prova davvero l’emozione di andare in bicicletta, dal montare in sella al pedalare vero e proprio. Dato che le prime uscite su bici da 12” sono solitamente un po’ goffe, vi consigliamo di renderle più sicure fissando un’asta al reggisella. La parte restante della barra, che potrete tenere in mano, vi permetterà di aiutare i bambini nelle loro prime corse e, grazie alla cinghia collegata all’asta, vi consentirà di rallentarne l’andatura durante le prime discese che affronteranno. In questo modo i più piccoli impareranno anche come si cade (cosa che richiede un po’ di tempo per essere padroneggiata al meglio).

Mentre insegnate loro a correre su una bicicletta, potete anche raccontargli una piccola bugia (non preoccupatevi, non lo diremo a nessuno!): quando i bambini si sentiranno protetti perché li state tenendo con la barra, rassicurateli, ripetendo loro che siete presenti e che li tenete saldamente ma, ad un certo punto, lasciateli andare da soli…ovviamente senza dirglielo. Voi vedrete i progressi che hanno fatto e loro saranno felici di credere di aver pedalato da soli per tutto il tempo.

E detto questo, ora saranno pronti per correre senza alcun aiuto!

Questo sito web utilizza i cookie.

Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali tramite cookie e sui diritti dell’Utente, si rimanda all’Informativa sul trattamento dei dati personali tramite cookie e altre tecnologie web. Qui di seguito è possibile dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali anche per finalità statistiche e analisi del comportamento dell’Utente.