Condividi:

Ne è dovuto passare di tempo prima che il ciclismo accogliesse anche le donne, ma purtroppo le grane e i tormenti che affliggono le sportive non sono ancora finiti. Dalle taglie allo stile, dalla meccanica alla corsa: ecco 10 cose da non dire mai a una ciclista.

1. “Questa è la taglia più piccola che ho”
I tempi bui appartengono al passato e il ciclismo femminile professionale sta iniziando ad avere successo. Eppure sono ancora tanti i marchi che non producono vestiti, scarpe o telai delle dimensioni giuste per soddisfare le esigenze di tutte le donne. Fa male vedere la bici dei tuoi sogni e scoprire che non potrai mai andarci.

2. “Ti aspettiamo in cima”
D’accordo, alcune donne potrebbero sentirsi sollevate sentendo questa frase prima di una salita. Ma per altre questo messaggio è pieno di superbia e superiorità, come se una donna non potesse mai superare un uomo sui pendii. La prossima volta pensaci bene prima di dire una frase del genere: non tutte la prendono bene.

3. “Accettiamo solo contanti”
Beh, in realtà, questo non vale solo per le cicliste: fermarsi in un bar senza uno spicciolo e scoprire che non accettano carte di credito è seccante per tutti!

4. “In questo ufficio non ci sono docce”
In genere, andare al lavoro in bici e sciacquarsi la faccia nel lavandino del bagno non è un grande problema per gli uomini. Ma può esserlo per le donne. Quando una donna inizia un nuovo lavoro e scopre che non solo l’ufficio è lontano dalla palestra e le sue docce, ma anche che non dispone di docce proprie, si insinua il terrore di trascorrere i prossimi anni seduta in un angolo per le sue maleodoranti esalazioni.

5. “Vuoi una tripla?”
Dare per scontato che una donna non possa usare una bicicletta diversa da quella a tre corone è il modo giusto per prendersi un bello schiaffo in faccia.

Molte donne sono abbastanza forti da poter usare marce più alte rispetto a tanti uomini.

6. “Questo è l’unico colore che abbiamo”
Le taglie da uomo spesso non si adattano alle forme del corpo femminile, e pertanto molti marchi hanno ben pensato di lanciare sul mercato dei capi specifici da donna. Tuttavia, molti modelli non vengono adattati nella forma o nelle dimensioni, ma solo nel colore. La vecchia tattica del “rosa e più attillato” continua imperturbabile. E quella bella maglia nera che indossava il tuo compagno la settimana scorsa? Beh, la trovi identica tra i modelli da donna, solo che è viola fluo.

7. “Brava!”
È tanto comune quanto dire ciao – o meglio addio: il tipico commento degli uomini che superano le donne in salita, convinti che non le vedranno più.

8. “Andare in bicicletta ti fa le cosce più grosse”
Prima di tutto, lo sappiamo! Secondo: e allora? Saranno anche grosse, ma sono forti ed energiche, e possono portarci ovunque vogliamo sulle nostre splendenti biciclette.

9. “Che sedere!”
Non essere il tipo di uomo che urla “che sedere” fuori dal finestrino della macchina quando superi una ciclista. Nove volte su 10 le ragazze lo odiano.

10. “È un motore quello lì?”
Okay, probabilmente nessuno ha ancora mai detto una frase del genere. Ma molte donne potrebbero iniziare a sentirselo dire, dopo che la belga Femke Van den Driessche del team under-23 fu scoperta con un motore nascosto nella sua bicicletta ai Campionati del mondo di ciclocross!

Questo sito web utilizza i cookie.

Per maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali tramite cookie e sui diritti dell’Utente, si rimanda all’Informativa sul trattamento dei dati personali tramite cookie e altre tecnologie web. Qui di seguito è possibile dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali anche per finalità statistiche e analisi del comportamento dell’Utente.